Home > Progetti > Villaggio Solidale UJAMAA (Grande Famiglia) a Makunduchi, Zanzibar, TZ – 2017
Vista del villaggio con i bungalow del resort.

Bonifico Bancario

BANCA ETICA - Piazzetta Forzaté 2, 35137 Padova
IBAN: IT56E0501812101000000100641

BANCA CARIGE - IBAN: IT17V0343112116000000072980
CODICE BIC: CARIITGG

CONTO CORRENTE POSTALE - n. 11671351
Intestato a: ASSOCIAZIONE SOLIDARIETÀ ORGANIZZAZIONE SVILUPPO S.O.S. ONLUS

Assegno Bancario

Inviaci il tuo assegno al seguente indirizzo:

SOS Onlus 
Via Severi 26, 35126 - Padova

(Per favore specifica nell'assegno l'iniziativa che vuoi sostenere).

Il progetto prevede la costruzione di un Resort turistico, UYAMAA ya S.O.S. Resort, in località Makunduchi sull’Isola di Zanzibar.

Questa iniziativa prende spunto dall’analisi della situazione socio-economica del Tanzania e, più in particolare, dai progetti finalizzati ai bambini fino ad ora attuati dall’Associazione (adozioni a distanza, realizzazioni di edifici scolastici, ecc.), per arrivare a valutare , basandoci anche su esperienze simili, la relazione esistente fra “progetti di sviluppo” e un certo tipo di “turismo responsabile” che destina e reinveste tutti i profitti al sostegno dei bambini.

I proventi di questa iniziativa quindi saranno destinati agli orfani della Casa Famiglia di Makalala (Iringa) in Tanzania e agli altri progetti di sviluppo rivolti alla condizione dei bambini del Paese.

Negli anni 2011-2013 si è proceduto all’acquisto del terreno e alla attuazione delle pratiche burocratiche necessarie per iniziare i lavori con una spesa complessiva di € 115.245,58.

Nel 2014 si è passati alla fase di realizzazione con la stesura di un progetto architettonico. La realizzazione prevede un impegno di spesa  di 304.400 € e il totale di previsione del progetto, comprensivo delle finiture e arredi, è di € 419.645,58.

Progetto Makunduchi

Piantina del beach resort Ujamaa.

img-20160917-wa0002

Spiaggia del resort.

 

 

 

 

 

 

 

La realizzazione di questo complesso turistico solidale offrirà alla popolazione di Zanzibar l’opportunità di trovare nuove occasioni di lavoro ma anche la possibilità di far conoscere ai turisti più sensibili, che frequenteranno questa struttura, le tradizioni, le usanze e i principi fondamentali della cultura dell’Isola e, al tempo stesso, tramite i profitti ottenuti, potrà sostenere le iniziative e i progetti solidali della S.O.S. a Zanzibar e in Tanzania.

Nel 2015 sono ufficialmente iniziati i lavori e Malaika Giovannini dirige attualmente assieme al marito Roger il villaggio, che a fine 2016 è stato inaugurato aprendo le porte ai primi clienti. Da quel momento il villaggio sta vivendo momenti di felicità e immensa soddisfazione per tutti. Le prenotazioni sono in continuo aumento, i clienti sono contentissimi, i lavoratori assunti godono di ogni diritto e di buoni stipendi, la comunità locale è orgogliosa e presto potremo cominciare a finanziare nuovi progetti.

Tanzania è un paese povero e la sua economia dipende fortemente dall’agricoltura. L’UNDP ha stimato che il 41% della popolazione totale vive al di sotto della soglia della povertà nazionale. Il paese è al 126° posto dei 173 paesi considerati secondo gli Human Development Indicators.
In tutto ciò, se da un lato riduce notevolmente le possibilità di investimento, appunto, nel settore agricolo e dell’industria, dall’altro, in settori come quello turistico, offre notevoli prospettive di sviluppo. Questo paese, difatti, possiede un impressionate patrimonio naturalistico incontaminato, una ricchezza geografica e culturale che si prestano non poco ad interessanti opportunità di investimento. In tal senso, ‘Ujamaa Beach resort’ ha l’obiettivo di promuovere una tipologia di turismo definita “responsabile” a sostegno dei progetti S.O.S. Il resort si trova a Makunduchi, il piccolo villaggio di pescatori situato nella zona sud-est dell’isola di Unguja (normalmente chiamata Zanzibar, nome che in realtà definisce tutto l’arcipelago) dove si trova la sede S.O.S. Zanzibar.
Sorge sul mare, in un giardino tropicale ricco di piante e fiori d’ogni tipo, e si sta costruendo nel pieno rispetto dell’ambiente circostante e della cultura del luogo. Comprenderà 12 bungalow e un grande ristorante-bar sulla spiaggia.

Agli ospiti della struttura verrà proposta un’esperienza di turismo responsabile e solidale: responsabile, perché nelle attività proposte verranno accompagnati ad entrare in contatto diretto e discreto con la cultura e la comunità locale, prendendo coscienza e rispettandone tradizioni e abitudini, visitando i villaggi e la gente attraverso la guida di un mediatore locale; solidale, perché il viaggio s’inserirà nel contesto di S.O.S. Onlus: gli ospiti saranno guidati a visitare nell’ambito del villaggio un ambito in cui saranno disponibili foto, notiziari, filmati per illustrare i progetti, le attività dell’associazione, spiegando che il ricavato della loro permanenza alla struttura andrà a diretto sostegno delle iniziative realizzate in Tanzania.

In un articolo scritto dalla responsabile Malaika per il nostro notiziario di giugno 2018 ha voluto concludere in questo modo:

“Mi tornano in mente alcune parole lette su un libro che parlava di Africa:

“Ho visto anziani muti nel loro dolore perché costretti a chiedere per sopravvivere; ho visto madri senza lacrime portare il fagotto del loro bimbo morto; ho visto bianchi spregiudicati affannarsi nel derubare la dignità di un popolo; ho visto dittatori seppellire la loro storia sotto barili di petrolio e carati di diamanti; ho visto uomini e donne tenaci nel trovare speranza laddove speranza non c’è; ho visto bambini e bambine che vogliono realizzare i loro sogni. Ho visto e tutti dovrebbero vedere, nulla più.”

Malaika Giovannini”

Sito web Ujamaa Beach Resort   Pagina Facebook Ujamaa Zanzibar

Vialetto all'esterno dei bungalow del resort Ujamaa.

Vialetto all’esterno dei bungalow del resort Ujamaa.

IMG_9930 (3)

Lo staff dell’Ujamaa in occasione dell’inaugurazione di febbraio 2017.