Home > Progetti > SILOE -CENTRO OFTALMOLOGICO a Isiro – regione dell’ Haut Uelè – R.D.del Congo

Bonifico Bancario

BANCA ETICA - Piazzetta Forzaté 2, 35137 Padova
IBAN: IT56E0501812101000000100641

BANCA CARIGE - IBAN: IT17V0343112116000000072980
CODICE BIC: CARIITGG

CONTO CORRENTE POSTALE - n. 11671351
Intestato a: ASSOCIAZIONE SOLIDARIETÀ ORGANIZZAZIONE SVILUPPO S.O.S. ONLUS

Assegno Bancario

Inviaci il tuo assegno al seguente indirizzo:

SOS Onlus 
Via Severi 26, 35126 - Padova

(Per favore specifica nell'assegno l'iniziativa che vuoi sostenere).

Al fine di migliorare l’efficienza del sistema sanitario della regione dell’ Haut-Uele e coprire una grave lacuna nell’offerta di assistenza sanitaria nel territorio di Wamba- Isiro – Dungu.

Nelle aree povere del mondo, tra cui la R.D. Del Congo, la prevalenza della cecità per patologie oculari è in continuo aumento per la mancanza di medicine e personale medico specializzato. I bisogni della popolazione nei termini di correzione delle malattie legate alla vista restano insoddisfatti per la mancanza di personale sanitario medico e di adeguate attrezzature. In questo quadro l’obiettivo primario è combattere la cecità e le gravi menomazioni visive, quali la catarattta, il glaucoma, il tracoma, l’oncocercosi.

Nell’ambito di tale problematica la S.O.S. ha deciso di intervenire procedendo alla costruzione  di un nuovo plesso sanitario con ambulatori, sala operatoria, degenze, direzione, segreteria e farmacia interna, alla fornitura degli arredi, alla formazione del personale medico, paramedico e tecnico e all’ avvio dell’attività della struttura.

L’iniziativa si è attuata in collaborazione con la CBM Italia e le tre diocesi locali

DIOCESI DI WAMBA

DIOCESI DI ISIRO

DIOCESI DI DUNGU

La S.O.S. si è occupata della fase di progettazione e costruzione della Clinica.

I tecnici volontari italiani espatriati (n. 2 architetti – n1 ingegnere – n2 elettricisti in periodi diversi) hanno formato il personale congolese in modo pratico ed efficace. Per la costruzione dell’edificio.

La S.O.S. ha inoltre provveduto all’istruzione e formazione professionale di amministratori e infermieri tramite lo strumento della Borsa di Studio.

La CBM Italia ha provveduto alla gestione amministrativa e sanitaria della clinica per il periodo di avvio dell’attività (tre anni) fornendo personale amministrativo e sanitario ( medici e infermieri specializzati in interventi di cateratta)

Le Diocesi locali hanno garantito, tramite i loro delegati, le relazioni con le autorità locali, i rapporti con la popolazione e tutti gli aspetti logistici sia nella fase di costruzione che in quella di avvio funzionale.
Il Centro Oftalmologico Siloe sorge su un’area di 3750 mq, ha una superficie coperta di circa 1200 mq ed è così costituito: − sala di attesa visite per 50 persone, ricezione e deposito schede e 2 WC;
− n° 4 sale per visite e per eventuali esami speciali; – reparto operatorio costituito da un’ampia sala operatoria con due posti di intervento, attesa, preparazione malato con WC e sterilizzazione (a cavallo con la sala operatoria); – un locale per deposito strumentazione e un locale per il servizio sporco; – reparto preparazione medici ed infermieri e posto per medico di guardia e relativi servizi igienici; – reparto degenze con 4 camere a 4 letti ciascuna, reparto medicazione, posto per infermiera e deposito medicinali, lavanderia generale; – gruppo servizi igienici per i pazienti e per il personale di assistenza agli ammalati (parenti);
– corpo direzione ed amministrazione generale con sottostante magazzino per tutto il materiale di scorta per la manutenzione del complesso. All’interno dell’area del Centro Siloe è stata costruita anche la torre per la cisterna d’acqua che serve sia come riserva sia anche per garantire una certa pressione; vi è poi un piccolo fabbricato che verrà utilizzato sia come cappellina che per incontri particolari con il personale medico e paramedico e per incontri con la popolazione per la sensibilizzazione alle cure preventive.
Poiché la consuetudine locale è l’assistenza degli ammalati da parte dei parenti, vi è sul fondo dell’area una costruzione-capanna appunto per i parenti con annesso camino per la preparazione del cibo; è stato anche costruito in luogo defilato un piccolo inceneritore per lo smaltimento del materiale infetto. Ovviamente il complesso è dotato di rete fognaria per lo smaltimento delle acque nere, mentre le acque
piovane sono raccolte in due cisterne interrate quale riserva d’acqua. Tutto il complesso è protetto da recinzione in muratura e in ferro.

pazienti nella sala d’aspetto

La struttura e’ stata inaugurata il 2 maggio 2011 con la presenza dei Vescovi delle tre Diocesi, della Presidente della S.O.S. Delle autorità’ locali e governative e di un rappresentante del partner di progetto C.B.M. Italia.

Avviata l’attività della Clinica si è notevolmente migliorata l’offerta sanitaria della Regione, e’ stato assunto personale locale per garantire il funzionamento della struttura, si è anche attuata una attività’ di informazione e sensibilizzazione sull’importanza delle cure oftalmologiche, connesso alla clinica ed e’ stato inoltre organizzato un servizio di clinica mobile che girando per i villaggi del territorio garantisce un servizio di prima assistenza sanitaria oculistica anche negli insediamenti più′ isolati.